Statistiche
Hosting Linux e Windows
Facebook G+ Twitter YouTube

Hosting

Sottodomini

Questa funzione consente di attivare mediante il pannello di controllo nomi del tipo sottodominio.dominio.estensione, ad es. amministrazione.azienda.it, e redirigerli verso un qualsiasi spazio web.

Il sottodominio potrà essere connesso a pagine residenti in un proprio piano hosting già attivo con noi (ad esempio www.azienda.it/cartella/), ma anche verso qualsiasi indirizzo esterno (ad esempio su http://www.tiscali.it/utenti/cartella/).

Come funziona

Supponiamo di aggiungere un sottodominio al dominio "miodominio.it".
Nel pannello di controllo, come primo passo indicheremo il nome di terzo livello: miosito.gif.it.

Successivamente, nella casella "Indirizzo redirect" andrà specificato l'indirizzo delle pagine da visualizzare in corrispondenza del sottodominio di 3° livello che stiamo creando.

Dopo aver indicato l'indirizzo per il redirect, possiamo scegliere di mappare o no queste pagine sotto il nuovo dominio di 3° livello mediante la tecnica URL Cloaking. Se non si usa questa opzione, il risultato sarà un semplice "rimbalzo" all'indirizzo redirect. Nel nostro esempio useremo la tecnica URL Cloaking: in pratica le pagine che stanno sotto www.gif.it/hosting ora sono visibili anche sotto miosito.gif.it.

In modo analogo sarà possibile mappare le pagine da http://nome.miodominio.it/cliente/ sotto l'indirizzo http://cliente.miodominio.it/

Caratteristiche tecniche del servizio

I sottodomini di terzo livello, attivati tramite il redirect su una propria sottocartella, non sono un vero sito internet indipendente ed autonomo. Non va confuso, quindi, questo servizio basato su un reindirizzamento, con il servizio Host Pointer di 3à livello, il quale sarebbe veramente un sito web aggiuntivo ad un proprio eventuale piano hosting frazionabile.

Nella tabella sottostante sono elencate le differenze principali tra i due servizi.

Funzione Sottodominio Host Pointer
A record sul server DNS SI SI
Indirizzo del tipo:
http://nome.azienda.it
Indirizzo del tipo:
http://nome.azienda.it/abc/
Accesso FTP SI, se il piano principale lo prevede
Redirect con URL Forwarding:
(digitando nome.azienda.it si
"salta"ad un indirizzo qualsiasi)
SI, funzione del pannello di controllo. Opzionale
Redirect con URL Cloaking
(digitando nome.azienda.it si
"incorporano" le pagine presenti ad un
indirizzo qualsiasi)
SI, funzione del pannello di controllo. Opzionale
Caselle e-mail del tipo
rossi@nome.azienda.it
Opzionale, acquistandole separatamente.
Virtual host sul server web

Quindi, anche se in apparenza entrambi i servizi hanno il nome di terzo livello, dal punto di vista tecnico e quindi dal punto di vista dell'utilizzo del servizio le differenze sono notevoli.